Camillo Coccione

È nato a Roma il 22.02.1940, ma vive a Poggiofiorito da sempre. Figlio d’arte (suo padre fu il M° Tommaso Coccione), da giovanissimo ha dimostrato dimestichezza e passione per la musica e la poesia.
Ha conseguito, presso l’Istituto Tecnico Nautico di Ortona, il diploma di Aspirante al Comando delle navi della Marina mercantile italiana e durante il suo periodo di imbarco, in qualità di Allievo Ufficiale, ha scritto poesie ed una serie di racconti dedicati al mare, uno dei quali,”Sono un marinaio”, nel novembre del 1967 ha vinto il 1° Premio al Concorso Nazionale “Il Navigante” di Portofino,


Ha abbandonato ben presto la produzione in lingua per dedicarsi esclusivamente a quella in vernacolo, per l’amore profondo che nutre verso la propria terra e verso l’ambiente contadino.
  Ha pubblicato due raccolte di poesie in dialetto abruzzese, dell’area frentana: “ Vulije di cante” (Voglia di canto) nel 1988, con prefazione di Giuseppe Antonio Mariani di Chieti e “Scenne ‘m bacce a ssole” ( Ali incontro al sole) nel 1998, con prefazione di Nicola Fiorentino di Lanciano e presentazione di Achille Serrao di Roma. Sue poesie sono state pubblicate su riviste nazionali specializzate, su Antologie e testi di critica letteraria.
È stata pubblicata recentemente la sua terza raccolta di poesie dialettali, dal titolo: Valle Cicchitte                                                                                                                                                 
 Nel 2008 a publicato (in due volumi) " La storia di Poggiofiorito"

Dal 1982 si è dedicato alla concertazione e alla direzione della Corale “Tommaso Coccione” di Poggiofiorito, uno dei più validi gruppi folkloristici abruzzesi.
Iscritto alla SIAE in qualità di compositore, è autore di numerosi brani per fisarmonica e di canzoni popolari, ma predilige scrivere testi, (circa 200) per le musiche del fratello Vincenzo Coccione.

Visite: 109